Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. 

Il Territorio

Il territorio dove attualmente sorge il centro abitato fu sicuramente abitato in epoca romana. L’agro era attraversato da un acquedotto che i romani avevano realizzato per sfruttare le acque del Volturno. L’opera doveva avere molta importanza per i romani visto che sono giunte a noi testimonianze di numerosi restauri che ad essa vennero operati. Nel 774 il centro abitato resistette all’assedio delle milizie di Carlo Magno.
Il feudo di Pozzilli nel 1234 apparteneva a Ruggiero Galluccio al quale venne successivamente usurpato da un certo Gualtiero D’Aversa. Nel XVI secolo i titolari del feudo divennero i Pandone, i quali furono succeduti dai Gaetani, che ne detennero il possesso fino alla definitiva scomparsa del sistema feudale.